Tre cattivi Marvel che probabilmente vi sono sfuggiti

cattivi marvel

Il mondo è sempre in pericolo perché vi sono molti cattivi Marvel, scopriamone tre

Vediamo qui tre cattivi Marvel di prima categoria. Abbiamo già parlato nella guida precedente di 8 Ball, un vero e proprio cattivo di prima categoria, ma vi sono molti altri malvaggi che possono creare seri danni alla terra. In questa guida andremo a parlare dell’uomo che assorbe, un nome abbastanza particolare, Abdul Alhazred e l’agente Axis. Questi personaggi sono ambientati in luoghi completamente differenti e spesso in epoche altrettanto eterogenee poiché fanno parte di differenti narrazioni che comunque vanno ad interessare vari super eroi che quindi cercano di eliminare tutte le minacce che si possono ergere contro il nostro pianeta.

Il primo, l’Uomo che assorbe, è apparso molto spesso nelle prime serie della serie TV “The Agents of SHIELD”. Come molti cattivi anche Carl “Crusher” Creel è stato un buon pugile con molta forza e poco cervello. Il suo potere è quello di assorbire gli elementi, da qui il suo nome di battaglia, grazie ad una pozione magica fatta scivolare da Loki nella sua acqua. Loki, il dio asgardiano del male, cercò di usare Carl per battere Thor e così successe costringendolo alla ritirata. Ma dopo vari accadimenti, il Dio del tuono asgardiano riuscì a batterlo, decise di scappare e dedicarsi alla criminalità. L’agente Axis, il fondatore di Axis Mundi, nacque come la fusione tra un fascista italiano, un nazista tedesco ed un nazionalista giapponese.Questi terroristi nazisti furono usati molto spesso dall’Hydra di Teschio Rosso. Infine Abdul Alhazred è importante per aver creato il famoso Necronomicon, il libro della magia nera, modellato sulla Darkhold, anche questa citata molto spesso sulla serie tv dello SHIELD.

Questi sono tre cattivi Marvel ma ce ne sono molti altri. In seguito parleremo in modo più approfondito di questi personaggi che sebbene non molto conosciuti possono essere considerati molto importanti.

credit img marvel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *